Pubblicato il

Intervista alla band a cura di Hamelin Prog

Nel mese di ottobre 2016 la band ha concesso un’ampia intervista ai redattori di Hamelin Prog, dove sono stati affrontati molti temi, dalla storia della Reunion, passando per quella dei Cincinnato, al futuro del gruppo.

Eccone un estratto:

HP: La rubrica “L’artista racconta” ha il piacere di ospitare Giacomo Urbanelli (G.U.), Gianni Fantuzzi (G.F.), Franco Erenti (F.E.) e Paolo Burattin (P.B.) dei Thauma Cincinnato. La redazione di HamelinProg.com vi ringrazia per aver accolto il nostro invito!

G.U.: Sono sempre contento di raccontare di musica perché la musica è l’elemento più importante della mia vita.

G.F.: Siamo onorati per il vostro interessamento che ci offre la possibilità di un’intervista per esprimere dal vivo i moventi che ci hanno portato a realizzare e a portare avanti il nostro progetto Thauma Cincinnato, infatti, dopo “L’essere e l’auriga” stiamo già lavorando a un altro album e alla preparazione per uscite live.

F.E.: Ovviamente è un piacere reciproco ed inaspettato dopo tutti questi anni.

P.B.: Grazie a voi, è un piacere reciproco.

HP: Partiamo dal principio: quali sono stati i primi “passi musicali” di Giacomo Urbanelli, Gianni Fantuzzi, Franco Erenti e Paolo Burattin? E come si arriva al progetto Eros Natura?

G.U.: Lezioni di pianoforte da bambino e poi tanta voglia di fare musica.

G.F.: Fin dai 13/14 anni, per noi e un folto gruppo di coetanei, fu il canale espressivo degli eccessi dei nostri temperamenti entusiasti, inquieti e tormentati che ben si accordava con l’amore per la musica rock e successivamente con il jazz; da ragazzi cercavamo di imitare, con dubbi risultati ma con patetico ardore, gli dei di cui eravamo infatuati: i Beatles, i Rolling Stones, Bob Dylan, Jimi Hendrix, i Doors, i Cream, i Traffic, Janis Joplin e poi Leonard Cohen, Jethro Tull,  il jazz di Miles Davis e chi più ne ha più ne metta.  Che stagione!
La svolta fu quando io e Giacomo Urbanelli, alla fine degli anni ’60, iniziammo a suonare con piano e chitarra dei brani che Giacomo proponeva e che poi elaboravamo, per un certo periodo in duo e successivamente, con l’aggiunta di altri velleitari come noi, Franco, Donato e poi Annibale, ci si lanciava in interminabili improvvisazioni nelle quali si mescolavano rock jazz e persino spunti classicheggianti: da lì scaturì la nostra personale interpretazione progressive. Ma si sa che l’unione fa la forza: “Il Gruppo è Insieme”, da ragazzi sono parole sciamaniche e prodigiose, producenti un incantesimo dal quale scaturisce l’invenzione di un mondo nuovo: la nostra musica, quella realizzata da noi, a volte anche sgangherata, improbabile o quel che si vuole, ma che per noi era la nostra Utopia. Lì, in quel luogo immaginario però pieno di reali emozioni, ebbe origine Eros Natura.

F.E.: Un po’ come tutti gli amanti della musica degli anni ‘60, una gran voglia di emulare i nostri miti, Beatles e Rolling Stones. Un brulicare di complessini in paese e fuori, la voglia di imparare qualche trucco o accordo in più, sino a maturare la possibilità e gran desiderio di fare musica propria. E qui le cose cambiarono, poiché, se da un lato c’erano un mucchio di coetanei che suonavano, ben pochi però avevano realizzato la possibilità di creare musica propria. Per questo l’incontro di Giacomo e Gianni ha attirato la mia attenzione, mentre cercavo in qualche modo di suonare le mie piccole idee musicali con Paolo Burattin e Donato Scolese. Così nacquero gli Eros Natura.

P.B.: Le mie esperienze musicali presero forma e sostanza, quale aspirante chitarrista autodidatta, suonando con Franco Erenti (ci conosciamo dalla scuola elementare!) e Donato Scolese, periodo in cui ci si immergeva in modo maniacale nelle musiche dei Grand Funk Railroad, dei Cream, dei primi Jethro Tull… Poi incontrai più o meno nello stesso tempo Annibale, Gianni e Giacomo e divenni spettatore (Espectadore) appassionato e partecipe della loro fluente e prorompente creatività musicale.

HP: Due anni dopo la nascita degli Eros Natura, siamo nel 1972, l’invio di una vostra demo vi fa entrare in orbita PDU, da qui il consiglio della stessa di modificare il vostro nome in Cincinnato. Fu davvero l’etichetta a spingervi verso il cambio onomastico? Con quale motivazione? E come cadde la scelta sul nome dell’uomo politico dell’antica Roma (noi crediamo provenga da lui!)?

G.U.: Sì, fu il direttore artistico (forse su consiglio del Vaticano) a consigliarci di cambiare il nome, secondo loro troppo allusivo al sesso (sic).
Il nome Cincinnato invece allude non al ruolo di dictator, ovviamente, del personaggio mitico dell’antica Roma, ma al suo amore per l’agricoltura come simbolo della rinuncia al potere sociale.

F.E.: Di questo non so rispondere perché proprio dopo i primi contatti con la PDU il sottoscritto partiva per il servizio militare e buonanotte sonatori…

HP: Il ruolo del bassista, in questo periodo, vive una serie di avvicendamenti: Franco Erenti-Annibale Vanetti-Paolo Burattin (il secondo comparirà nelle registrazioni dell’album). Come mai?

G.F.: Dopo che Franco dovette separarsi dal gruppo per il militare attraversammo un periodo  piuttosto disagevole, in parte eravamo dispiaciuti per il distacco dall’amico e in parte per la difficoltà di reperire un bassista al suo livello; ne contattammo alcuni ma  proprio non reggevano il confronto, sia dal punto di vista delle capacità tecniche, sia per la musicalità, anche se a noi non sembrava di essere particolarmente pretenziosi, o forse un po’ si… Anche noi, come spesso accade da giovani, avevamo la nostra dose di supponenza… però essa costituiva anche la forza propulsiva a voler fare sempre il meglio… mah! Fatto sta che finalmente arrivò il Messia, ovvero Annibale. Era un chitarrista con una capacità ritmica notevolissima e un feeling fuori dal comune, possedeva dunque le doti necessarie per afferrare il basso e scoprire che quello sarebbe stato il suo strumento d’elezione. Io in passato avevo già suonato per alcuni anni insieme a lui, fin da ragazzini eravamo amici per la pelle, così con la frequentazione assidua che ancora si manteneva in quel periodo, egli giunse a maturare l’idea di unirsi a me, Giacomo e Donato; era fatta! Finalmente avevamo trovato il Bassista Maiuscolo, infatti dette un contributo sostanziale alla band con la sua inventiva, oltretutto sarebbe stata una risorsa ulteriore per il futuro, se lo avessimo avuto, in quanto aveva una voce notevole e sapeva cantare molto bene, doti che non abbiamo potuto utilizzare per lo scioglimento prematuro del gruppo. Beh, ora c’è Paolo, seconda rivelazione messianica, perché, oltre alle qualità di cui sopra, possiede anche una solida preparazione tecnica e teorica.

F.E.: All’inizio sono stato il primo bassista del gruppo, strumento bellissimo ma che ho sempre suonato in modo istintivo e si può dire da autodidatta, come pure la chitarra, ed il motivo è semplice, ho sempre studiato pianoforte ma, per ragioni economiche, non ho mai potuto possedere un bel piano Fender o Wurlitzer,  quindi ho optato per un più economico basso elettrico.
Poi naturalmente venne in mia sostituzione Annibale Vanetti e dopo ancora, al mio ritorno, quando ormai il gruppo si era separato, sono tornato come pianista, Paolo da chitarrista è passato così al basso e Scolese compiva i primi passi col vibrafono.  Si alternavano così due batteristi, Donato Scolese e Franz Piatto, l’attuale batterista dei Mano Loca di Massimo Vecchi (Nomadi).

P.B.: Chiarisco ora. Il mio ingresso nel gruppo avviene dopo la pubblicazione dell’album (siamo nel 1975), al suo abbandono sostituii Annibale al basso, ciò coincise peraltro con il termine del mio servizio militare.

HP: Con la PDU pubblicate il vostro omonimo debutto discografico a nome Cincinnato. Vi va di raccontarci la genesi di quel lavoro? Come mai fu pubblicato solo nel 1974?

G.U.: I brani dell’LP Cincinnato furono composti nel corso dei due anni precedenti la pubblicazione del disco (aprile ’74). Annibale Vanetti, tramite un’amica che lavorava in PDU, seppe che cercavano gruppi nuovi (“d’avanguardia”) da produrre.

G.F.: L’amica di Annibale, a sua volta, era amica di un altro amico DJ e bassista che venne nella nostra sala prove con tanto di Revox, il massimo dei registratori di allora con tanto di microfoni per registrazione stereo! Incredibile a confronto degli standard odierni; registrò alcuni brani e il nastro fu il nostro biglietto da visita e il nostro esame per la casa discografica, che poco tempo dopo ci mandò a chiamare.

F.E.: Passo la mia risposta ai miei colleghi che hanno vissuto l’evento.

Pubblicato il

Rassegna stampa

L’album “L’essere e l’auriga” uscito nel 2016 ha riscosso un’ottima attenzione da parte delle riviste specializzate in progressive rock e degli appassionati, di seguito i link agli articoli e alle recensioni:

 

FullSizeRender 4

Pubblicato il

Perché Thauma

Thauma è stato un ritrovarsi nelle molteplici accezioni del termine: rincontrare gli amici di un tempo.

convegno di un manipolo di persone che, nel nostro auspicio, diventa polo di attrazione anche per nuove persone di ogni età; ri-trovarsi nel senso di ritrovare aspetti di Sé lasciati in disparte, dimenticati o mai incontrati.

unnamed

Nella commedia “As You Like It” di Shakespeare a un certo punto il personaggio di Jaques si esprime così:

“…Una stessa persona, nella sua vita, rappresenta parecchie parti, poiché sette età costituiscono gli atti …”

L’epilogo qui è poco edificante perché le ultime tre età sono: un tronfio moralista autoritario e sovrappeso, un ‘rimbambito Pantalone’ rinsecchito e dalla voce stridula e, da ultimo, una “… seconda fanciullezza e completo oblio, senza denti, senza vista, senza gusto, senza nulla …”

Al contrario, a noi piace pensare che con l’allungarsi della vita, ogni fase, ma soprattutto quelle dell’età matura, possano riservare benessere e soddisfazione.

Forse anche per noi valgono i risultati delle ricerche sul senso di benessere personale, le quali hanno appurato che alla fine si desidera conservare i ricordi più di ogni altra cosa e dunque ciò che rimane nella memoria conta più di quello che si possiede.

Abbiamo avuto ciò che conta dalla vita: figli, compagne di viaggio, famiglia, professioni riuscite, tutto quello che ha richiesto

il massimo delle nostre energie, al punto che parrebbe non rimanere più la forza di fare altro.

Invece tutto ciò è proprio quello che, inopinatamente, ci ha dato vigore e ci ha aperta la strada per ritrovare il potere rivitalizzante dell’amicizia, del fare le cose in compagnia con il piacere di poter dare spazio alle passioni comuni: la musica, la narrazione, la costruzione insieme, che ogni volta prende vita librandosi nell’aria con la nostra viva presenza, dove ognuno suona la propria parte di un brano ideato da noi.

Per dirla con il mito, il nostro vello d’oro, come Argonauti che navigano su una nave fatta di suoni, lo ritroviamo ogni volta che inventiamo una nuova canzone.

Pubblicato il

La Band

 

PAOLO BURATTINpaolo2

Inizia da ragazzo lo studio della chitarra acquisendo esperienze musicali prevalentemente nell’ambito del “Rock”.

Partecipa negli anni ’70, per qualche tempo, come bassista al progetto progressive del gruppo “Cincinnato” sostituendo Annibale Vanetti.

Si laurea al DAMS di Bologna e consegue il diploma in Chitarra Classica al Conservatorio “Luca Marenzio” di Brescia.

Da tempo é docente di Educazione Musicale nella Scuola Media e ha tenuto, in passato, corsi di Chitarra Classica ed Elettrica in alcune scuole musicali comunali e private.

Con Giacomo Urbanelli, Gianni Fantuzzi e Franco Erenti collabora, dal 2010, alle nuove musiche che portano alla realizzazione dell’album “L’essere e l’auriga”, uscito nel 2016.

 

 


 

FRANCO ERENTI

Musicista figlio d’arte, studia pianoforte (prima come autodidatta) poi presso il Conservatorio di Como (assieme a Lettura della Partitura ) proseguendo
francogli studi laureandosi presso il Conservatorio di Milano in direzione, strumentazione e composizione per Orchestra di fiati.

Sin da ragazzo ha alternato i primi decenni della carriera musicale come bassista – pianista – tastierista con il gruppo Progressive degli anni ’70 “Cincinnato”, più altre svariate esperienze di lavoro per musica da ballo e intrattenimento, in vari paesi del mondo.

Ha collaborato alla realizzazione di un Cd (uscito nel 2015) di Massimo Vecchi, voce e bassista del leggendario gruppo dei Nomadi.

Dirige attualmente quattro Bande di strumenti a fiato e dopo varie Big Band progetta il gruppo dei MWP.

 

 


 

GIACOMO URBANELLI

Nel 1971 Giacomo Urbanelli è il pianista degli Eros Natura, una band che esegue un hard rock di propria composizione.giacomo

Tre anni dopo, il gruppo – con un nuovo bassista – coglie al volo l’occasione di pubblicare il suo primo e unico LP con la PDU e cambia il nome in Cincinnato.

L’anno dopo, nonostante il discreto successo del disco, decide di dedicarsi alla medicina e abbandona.

Torna quasi casualmente alla musica nel 2006, quando BTF gli propone la ripubblicazione del vecchio album, prima su cd e successivamente di nuovo su vinile.

Dal 2010 lavora con i vecchi amici alla realizzazione del nuovo album: “L’essere e l’auriga” uscito nel 2016.

 

 

 


 

GIANNI FANTUZZI

gianniLa musica è la vibrazione dell’aria, una materia invisibile, una singolarità che si presta a rappresentare una metafora delle emozioni: così concrete nel vissuto intimo di ognuno di noi, anzi i principali indizi di essere vivi e presenti nella realtà, ma così ineffabili e prive dei contorni concreti delle cose del mondo materiale.

Ma a cosa serve la musica, quell’evento sensoriale per il quale ho sempre affermato di provare una particolare passione?

Fin da bambino mi ero accorto che la musica era la forma espressiva più immediata atta a evocare e a rappresentare le emozioni. Se si vuole dimostrare cos’è uno stato emotivo si può descriverlo a parole, ma se lo si vuole esplicare con la forza convincente dell’immediatezza è sufficiente ascoltare una musica appropriata, perché ognuno di noi può essere stimolato da espressioni sonore diversificate, quindi fare attenzione a quello che accade nell’intimo del proprio stato d’animo.

Nella giovinezza fu il canale espressivo degli eccessi dei nostri temperamenti entusiasti, inquieti e tormentati che ben si accordava con l’amore per la musica rock e successivamente con il jazz; da ragazzo cercavo di imitare, con dubbi risultati ma con patetico ardore, gli dei di cui ero infatuato: i Beatles, i Rolling Stones, Bob Dylan, Jimi Hendrix,  i Doors, i Traffic e poi Leonard Cohen, Tom Waits, il blues, il  jazz di Miles Davis e chi più ne ha più ne metta.  Che stagione!

“Quant’è bella giovinezza / che si fugge tuttavia!/ Chi vuol esser lieto sia,/ di doman non c’è certezza./ Questo è Bacco e Arїanna/ belli, e l’un dell’altro ardenti;/ perché ‘l tempo fugge e inganna,/ sempre insieme stan contenti./ Queste ninfe e altre genti/ sono allegri tuttavia./ Chi vuol esser lieto, sia,/ di doman non c’è certezza./ Questi lieti satiretti … ecc. ecc.

Eravamo proprio lieti, un gruppo di amici timorosi ma eccitati dalla vita, dovevamo fare la nostra parte e l’abbiamo interpretata anche con la musica di insieme. La svolta fu quando io e Giacomo Urbanelli iniziammo a suonare con piano e chitarra dei brani che Giacomo proponeva e che poi elaboravamo, per un certo periodo  in duo e successivamente con l’aggiunta di altri velleitari come noi. Ma si sa che l’unione fa la forza; “ Il Gruppo  e Insieme” da ragazzi sono parole sciamaniche e prodigiose, producenti un incantesimo dal quale scaturisce l’invenzione di un mondo nuovo: la nostra musica, quella realizzata da noi, a volte anche sgangherata, improbabile o quel che si vuole, ma che per noi era la nostra Utopia.

Infatti quella esperienza trovò il suo compimento nel 1974  con la realizzazione di un album con il gruppo Cincinnato per la casa discografica PDU, una delle major dell’epoca; cominciammo a suonare in alcuni concerti, tuttavia per noi il rito di iniziazione si era adempiuto e l’esperienza Cincinnato si concluse di lì a poco, comunque fu per noi una bella impresa.

Poi ognuno prese la propria strada, per me il potere  fu giustamente assunto dal compito inevitabile ma affascinante di rispondere all’appello dell’età adulta: mi sono laureato in Psicologia, in seguito mi sono specializzato in Psicoterapia e mi sono inoltrato nello studio e nella pratica della Psicoanalisi; poi  mi sono immerso totalmente, con una vocazione che definirei senza esagerazione quasi monastica nella professione. Mi sono quindi occupato del pensiero, delle emozioni e dei sentimenti anche nell’ambito del disagio mentale e della sofferenza causata dai conflitti interiori e dalla difficoltà o dalla impossibilità di mentalizzare, ovvero di decodificare i sentimenti e di regolare le emozioni.

Nel frattempo ho mantenuto un rapporto costante con la musica applicandomi allo studio della chitarra classica, fino al momento in cui nel 2009 Giacomo Urbanelli mi ha contattato proponendo di realizzare un nuovo progetto; dopo una iniziale perplessità per l’impegno che avrebbe comportato, ho compreso che sarebbe stata una circostanza importante per riprendere un’esperienza creativa nell’ambito della musica e della scrittura dei testi, oltre all’occasione di ritrovare gli amici di un tempo, Paolo Burattin e Franco Erenti cofondatori del Gruppo Thauma, poi altri amici e dei giovani che si sarebbero aggregati a noi.

Per me l’abbinamento tra la Psicologia e la Musica è stato l’accoppiamento perfetto. Perciò nell’età matura, il nuovo gruppo ha rappresentato la meraviglia di ritrovarsi tra amici, alcuni affermati professionisti nell’ambito musicale e io, con la inaspettata quanto impagabile possibilità di realizzare i testi, di contribuire alle musiche e alle sonorità che si aggiravano nella mia mente senza concretizzarsi in un lavoro definito.

Ho ritrovato la gradevolezza nel suonare ancora la chitarra elettrica ma soprattutto il diletto e l’appagamento nel constatare che i brani che via via impostavamo, prendevano forma e diventavano un piccolo emozionante universo sonoro.